mercoledì 1 luglio 2015

Ex "Manerbitaly"


Il sindaco di Manerba del Garda (Isidoro Bertini, Forza Italia) dovrà rendere conto ai suoi cittadini del fatto che al "ManerbItaly" siano state consentite dall'amministrazione bancarelle di immigrati con prodotti stranieri, di fatto abusive e contrarie alla decisione unanime degli organizzatori.
Forza Nuova c'era. Adesso vada a chiedere il voto ai commercianti italiani che hanno pagato per avere il permesso, così gli spiegano loro cosa se ne può fare dei "diritti per tutti"!

domenica 28 giugno 2015

Foto e video del presidio davanti all'Hotel Milano






Alcune fotografie e link di un servizio video del presidio di giovedì sera di fronte all'Hotel Milano. Via i clandestini da Brescia, via dall'Italia!
BRESCIA AI BRESCIANI
ITALIA AGLI ITALIANI

lunedì 22 giugno 2015

Stop invasione, difendiamo la nostra città


Giovedì 25 giugno alle ore 21 si terrà un presidio organizzato dForza Nuova davanti all'Hotel Milano, in via Vallecamonica 3 - Brescia, in cui bivaccano letteralmente da 3 anni decine di cosiddetti "profughi" africani, naturalmente a spese dei contribuenti italiani.

Saranno presenti le persone e famiglie italiane dimenticate dallo Stato che vengono aiutate tramite l'associazione Solidarietà Nazionale, per cui chiediamo e pretendiamo una priorità sociale assoluta rispetto ai clandestini che il governo Renzi-Alfano spedisce in villeggiatura in giro per l'Italia, dopo averli prelevati dalle acque libiche tramite la Marina militare.

Stop invasione!
Difendiamo la nostra città!

Per info:
www.forzanuovabrescia.org
333-5014927
brescia@forzanuova.info

sabato 20 giugno 2015

Replica alle indagini per la manifestazione “Brescia ai Bresciani”: presidio “Stop invasione” giovedì 25/6 all’Hotel Milano


Rendiamo noto che 11 partecipanti alla manifestazione di “Brescia ai Bresciani”, svoltasi sabato 28 marzo 2015, sono stati indagati dalla procura e attendono la citazione in giudizio per accuse assurde, quali resistenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio.
Gli 11 fascicoli aperti riguardano alcuni militanti di Forza Nuova e organizzatori del presidio, inizialmente previsto con largo anticipo in piazza Mercato, poi degenerato nelle due cariche immotivate della polizia in corso Cavallotti, a causa della mala gestione della questura nei frangenti “caldi” della giornata.
La giustizia italiana, a cui non diamo da tempo credibilità, dimostra per l'ennesima volta di adottare due pesi e due misure: reprimendo i cittadini che intendono manifestare senza arrecare alcun danno alla città, ma autorizzando e legittimando la presenza vandalica dei centri sociali, o lasciando impunita l'escalation di violenze compiute quotidianamente dagli immigrati (che, ricordiamo, compongono quasi l'80% della popolazione carceraria bresciana).
Mentre la Marina italiana, anziché difendere le frontiere nazionali, lavora per renderle un colabrodo, mentre politica, Chiesa e cooperative si arricchiscono sotto banco con il business dell’immigrazione da Roma a Brescia, la Procura è stata solerte ed efficientissima nel reprimere la manifestazione di trecento bresciani che lo scorso 28 marzo sono scesi in piazza per la propria città.
Addirittura a un trentenne di Lumezzane è stato dato un foglio di via per il possesso di un’asta di bandiera in plastica, per cui non potrà più entrare in città nei prossimi tre anni: tutto questo è assurdo e dimostra che gli italiani sono realmente cittadini di serie B, quando invece il reato di clandestinità è stato abolito e decine di migliaia di immigrati irregolari si fanno regolarmente beffa delle scartoffie della questura.
La nostra risposta alla repressione delle istituzioni è un presidio per giovedì 25 giugno alle ore 21, organizzato davanti all’Hotel Milano di via Valle Camonica, a cui parteciperanno famiglie e persone italiane che Forza Nuova sta aiutando tramite l’associazione Solidarietà Nazionale e che, in quanto cittadini italiani, chiederanno di essere aiutati prima dei cosiddetti “profughi” che in quell’hotel bivaccano da più di tre anni a spese dei contribuenti.
Tutti i bresciani che non si arrendono sono invitati a partecipare per far sentire la propria voce.
Per la nostra città: riprendiamoci Brescia!

mercoledì 3 giugno 2015

Resoconto conferenza sull'Arditismo per il Centenario della Grande Guerra








Ringraziamo tutti i presenti alla giornata di sabato dedicata agli Arditi d'Italia nel Centenario della Grande Guerra. E' stata un'emozione per noi poter ripercorrere le gesta di ragazzi poco più che ventenni, che hanno dato alla Patria ciò che di più prezioso possedevano: la propria vita. Di seguito alcune fotografie e un resoconto della giornata.
Sabato 30 maggio: conferenza con l'Associazione Nazionale Arditi d'Italia (pres. Silvestri) e la Federazione Nazionale Arditi d'Italia (pres. Ursini, sez. Trieste), seguito dal "Presente" e da un minuto di silenzio per i Caduti presso il monumento ai Lupi di Toscana, alle porte del centro storico di Brescia.

Domenica 31 maggio: alzabandiera a 2478 metri s.l.m., presso il cippo ai Caduti della Guerra '15-'18, tra le trincee della linea italiana nei pressi del rifugio camuno dedicato ad Angelino Bozzi (medaglia d'argento, † 1915), con deposizione della corona d'alloro al sacrario del Passo del Tonale, sormontato dalla Vittoria Alata.
"...Ed è pensando a Voi, ora che la Patria è un nome senza senso, ch'io mi conforto al Vostro ricordo, morti e vivi, del bel Diciottesimo, del glorioso Sesto, e la Vostra fede, il Vostro ardire, mi fanno ancora sperare che, forse, la nostra Patria non è del tutto morta."
(Aspirante Ufficiale Ermes Aurelio Rosa
Ardito bresciano, classe '99)

domenica 24 maggio 2015

“24 maggio: onore all’Italia che vince!


Brescia, Forza Nuova commemora il centenario della Grande Guerra in Piazza Vittoria: “24 maggio: onore all’Italia che vince!”
Alla mezzanotte tra il 23 e il 24 maggio, cent’anni dopo la storica data in cui l’esercito italiano marciò in difesa dei valichi e delle frontiere d’Italia, i militanti di Forza Nuova hanno apposto uno striscione in Piazza della Vittoria, per rendere onore ai Caduti e a tutti i soldati che diedero il proprio contributo alla vittoria nella Prima Guerra Mondiale: “24 maggio: onore all’Italia che vince!”.
“La storiografia contemporanea tende talvolta a sminuire le gesta degli eroi della Grande Guerra – spiegano i portavoce della sezione bresciana di FN in una nota – e gli eventi organizzati dalle istituzioni nella nostra città spesso cercano di sottolineare unicamente il carattere carnefice della guerra, tralasciando componenti fondamentali come l’interventismo e il volontarismo, o facendo passare in secondo piano il grande fermento che accompagnò l’immenso sacrificio: il primo, forte atto di volontà della nostra storia, in cui un’entità neutra e neutrale divenne nazione.”
Conclude il movimento: “Cent’anni dopo, chi svende il patrimonio e la sovranità nazionali, o mette a rischio la sopravvivenza del nostro tessuto etnico e sociale, commette prima di tutto un crimine verso chi è caduto per quella che può essere considerata la Quarta Guerra d’Indipendenza.”
Forza Nuova, per celebrare degnamente il Centenario, ha organizzato una conferenza in città in cui interverranno i massimi esponenti delle associazioni e federazioni nazionali degli Arditi d'Italia; l’evento storico-culturale si terrà sabato 30 maggio alle ore 16.30, presso l'Hotel Industria, in via Orzinuovi 58 a Brescia.

domenica 17 maggio 2015

Presidio di Lotta Studentesca contro le aggressioni delle baby gang multietniche



“Giovane aggredito per derubarlo”, “Baby gang picchia e rapina un ragazzo”, “Picchiato a sangue per 20 euro”. Quante volte sentiamo queste notizie in televisione o le leggiamo sui giornali? Spesso, anche troppo ultimamente.
Così settimana scorsa, l’ennesimo ragazzo italiano rapinato, le ennesime modalità: 5/6 ragazzi, quasi sempre stranieri, individuano la vittima, in pieno giorno e in zone frequentate, gli chiedono una sigaretta o di fare una telefonata e, dandogli appena il tempo per rispondere, iniziano a prenderla a pugni, a calci e a sputi, rubandogli subito dopo ogni cosa di valore, a volte addirittura le scarpe.

Le reazione delle istituzioni e delle forze dell’ordine? Le stesse anche quelle: identificano gli aggressori, spesso minorenni e poi li arrestano… O almeno sarebbe bello se fosse davvero così, ma la realtà è ben peggiore: capita che vengano portati a processo, molto raramente, ma poco dopo sono nuovamente a piede libero e continuano imperterriti nella loro meschina attività.
Così noi italiani siamo costretti a subire in continuazione le vessazioni di bande straniere che non rubano nemmeno per sopravvivere, ma semplicemente per affermarsi come i “più pericolosi” , “i più cattivi”.
D’altronde è risaputo che in stazione, in via Milano, in Freccia Rossa o in via S. Faustino, che ci sia la polizia o meno, non devi avere un telefono troppo costoso o troppi soldi nel portafoglio, altrimenti sai già la fine che fai: accerchiato, picchiato e derubato, senza che nessuno intervenga.
Lotta Studentesca, movimento giovanile di Forza Nuova, si è stancata di tutto ciò e dice basta ai soprusi da parte di stranieri accolti a decine di migliaia nel nostro Paese: basta alle istituzioni inette e corrotte, basta ai finti buonisti che continuano a difendere gli immigrati.
Ribellati con noi. Riprendiamoci il futuro!

mercoledì 6 maggio 2015

CUORE, BOMBE, PUGNALE! - Conferenza: "Gli arditi e la Grande Guerra nel centenario 1915-2015"

Nel centenario dell'entrata in guerra dell'Italia, ricordiamo e ripercorriamo, insieme ai massimi esponenti delle Associazioni e Federazioni degli Arditi d'Italia, le gesta dei Reparti d'assalto: dai primi corpi sperimentali in seguito all'entrata in guerra del 24 maggio 1915, alla fondazione nel '17, fino alla vittoria del IV novembre 1918 e la successiva impresa di Fiume. Storie di uomini e ragazzi (tra cui il bresciano del '99, Ermes Aurelio Rosa), di eroi che hanno scritto con il sangue la nostra storia nazionale. Seguirà un raccolto "Presente" presso un monumento alla Vittoria cittadino.

Vi aspettiamo sabato 30 maggio, alle ore 16.30, presso l'Hotel Industria, in via Orzinuovi 58 - Brescia.

Interverranno:
- PIERPAOLO SILVESTRI
Presidente A.N.A.I. - Associazione Nazionale Arditi d'Italia;
- MASSIMILIANO URSINI
Presidente sez. Trieste, Istria, Fiume e Dalmazia F.N.A.I. - Federazione Nazionale Arditi d'Italia.

Per info:
brescia@forzanuova.info
333-5014927