venerdì 27 marzo 2015

FN Brescia aderisce alla manifestazione di sabato 28 marzo


Sabato 28 marzo i militanti di Forza Nuova parteciperanno alla manifestazione spontanea organizzata dai cittadini bresciani in piazza del Mercato alle ore 15.00, in concomitanza con quella indetta dagli immigrati in centro.
Sosteniamo l’iniziativa e partecipiamo insieme a tutti i cittadini che non intendono sopportare passivamente che la città sia nuovamente violentata dalla bolgia immigrata e dai centri sociali, come avvenuto questa settimana, in un carosello di cortei non autorizzati, cassonetti incendiati e strade bloccate.
Non è tollerabile che si permetta a stranieri senza permesso di soggiorno di deturpare la città che li ospita e li sopporta, quando l’unica soluzione di buon senso è il blocco delle frontiere e il rimpatrio immediato.
Le responsabilità, secondo Forza Nuova, sono da attribuire a sinistra, sindacati e associazioni: tutti coloro che lucrano su un’invasione silenziosa da cui sarà sempre più difficile tornare indietro, utilizzando gli stranieri come nuova leva per creare tensioni sociali e ottenere consensi politici che non trovano più tra gli italiani.
Questo sabato anche noi daremo un segnale forte e deciso partecipando al presidio apartitico come cittadini bresciani, portando bandiere tricolori e di Brescia, per manifestare contro le violenze dei centri sociali e le pretese degli immigrati, in quella che è e deve restare la nostra città.

Forza Nuova Brescia

giovedì 26 marzo 2015

Brescia ai bresciani, Italia agli italiani


Sabato 28 marzo ore 15.00
Diamo un segnale forte e deciso partecipando come cittadini bresciani, portando bandiere tricolori e di Brescia, contro le violenze dei centri sociali e le pretese degli immigrati, in quella che è e deve restare la nostra città! Sull'evento seguiranno info sul ritrovo. ‪#‎RIPRENDIAMOCIBRESCIA‬

lunedì 16 marzo 2015

FN Lumezzane, comunicato stampa 16 marzo 2015


Giovedì 19 marzo la Rete antifascista provinciale di Brescia ha organizzato una serata a Lumezzane dal titolo: “A 70 anni dalla cacciata dei fascisti dal nostro territorio, a Lumezzane i nipotini del Duce hanno una sede, perché?”, relatori Saverio Ferrari (Osservatorio democratico) e Giulio Ghidotti (presidente provinciale Anpi).
È davvero penoso constatare che ancora oggi ci siano realtà che danno ascolto a personaggi squallidi come Saverio Ferrari, un seminatore di odio di professione e forte nostalgico degli “anni di piombo”.
Cosa può venire a raccontare a Lumezzane della sezione di Forza Nuova (realtà di cui non conosce nulla)? Chiaramente, come sempre solo un gran numero di bugie infamanti, mentre i fatti sono chiari.
Il nucleo è attivo da oltre dieci anni e la sezione fisica da quattro, un numero enorme di attività sono state svolte in strada e tra la gente: le passeggiate della sicurezza, la Solidarietà Nazionale per le famiglie Italiane in difficoltà, un numero sempre maggiore di militanti e tesserati si è avvicinato e la partecipazione alle elezioni amministrative comunali con un candidato sindaco indipendente ha dato il risultato di quasi il 6% dei consensi.
Dieci anni di passione e attività costante senza il minimo problema!
Il 16 marzo Forza Nuova Lumezzane sarà per strada, ignorerà l’idiozia della conferenza, renderà un servizio alla propria cittadinanza: contro i continui furti in appartamento, pattuglieremo le vie per la sicurezza con un numero maggiore di militanti, evidenziando la netta differenza tra chi, come noi, si adopera in maniera totalmente autofinanziata per passione politica e sociale, e chi invece vive da 70 anni di finanziamenti pubblici fomentando il rancore, come ad esempio l’Anpi.
Se invece ci fossero adesioni ufficiali da parte dell’Amministrazione e la conferenza quindi prendesse una piega nettamente istituzionale, allora presenzieremo in sala e difenderemo l’onore del nostro nome.

Forza Nuova Lumezzane

mercoledì 11 marzo 2015

No moschea a Trenzano, difendiamo la nazione.

Trenzano (BS): Forza Nuova è senza mezzi termini per la chiusura della moschea abusiva locale, come di tutte le altre in Italia e in Europa.
Difendiamo la Nazione!

"Tutti sanno che quello non è un centro culturale, ma un luogo di culto in zona non compatibile: ricordarlo è il minimo che si possa fare e per questo grazie ai ragazzi di Forza Nuova Brescia”.
Il Sindaco di Trenzano (BS), Andrea Bianchi, intervistato dal Corriere della Sera:

http://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/15_marzo_11/trenzano-sindaco-forza-nuova-all-attacco-centro-islamico-089c61b8-c7d4-11e4-a75d-5ec6ab11448e.shtml

lunedì 2 marzo 2015

Brescia, Campagna di FN verso Sindaco, Vescovo e Prefetto: "Immigrati benvenuti a casa mia!"



Brescia: nella mattinata di lunedì 2 febbraio sono comparsi in città alcuni manifesti a firma di Forza Nuova, raffiguranti le principali istituzioni bresciane, con la titolazione: “Immigrati: benvenuti a casa mia!” e gli indirizzi di Comune, Curia e Prefettura.
È questo l’attacco politico provocatorio che la sezione bresciana di Forza Nuova ha voluto rivolgere ai tre principali fautori delle politiche migratorie. Motivano così il gesto i portavoce del movimento: “I piani alti delle istituzioni favoriscono l’immigrazione incontrollata, ricavandone voti, nuovi fedeli e un business fertilissimo; gli svantaggi di una presenza straniera superiore al 20% colpiscono tuttavia il restante 99,9% della popolazione, come testimonia la recente ed ennesima violenza ai danni di una 25enne italiana avvenuta in città, di cui si è reso colpevole un 40enne straniero.”
“Ci facciamo portavoce dei cittadini bresciani, inascoltati da chi si sente sicuro nella propria Bastiglia, – Continua la nota di FN – in particolar modo delle fasce più esposte: gli italiani che si trovano a essere in minoranza nel proprio condominio o nel proprio quartiere, che vengono sorpassati nelle graduatorie di casa e asilo, o che perdono il lavoro (tra città e provincia i disoccupati sono oltre 42mila).”
Conclude il movimento: “I bresciani, accantonati quali cittadini di serie B e utili solo quando sono spremuti dal fisco, rispediscono al mittente le parole vuote di “integrazione” e “accoglienza”, invitando il primo cittadino, il prefetto e il vescovo di Brescia ad accogliere nelle proprie strutture i richiedenti asilo presenti sul territorio, clandestini o irregolari che siano. Sapranno dare l’esempio?”.

sabato 28 febbraio 2015

Lumezzane: la verità e gli errori sullo spostamento dell'automedica. Incontro pubblico con il Presidente della Croce Bianca


La sezione di Forza Nuova Lumezzane, informa che in seguito al nostro comunicato stampa del 17 Febbraio, il presidente della Croce Bianca di Lumezzane sig. Valeriano Gobbi, ha accettato il nostro invito e sara’ presente LUNEDI’ 02 MARZO alle ore 21:00 presso la nostra sezione .
Durante la serata ci sara’ quindi l’occasione di porre domande e valutarese ci sono le premesse per un fronte comune (apolitico) che provi veramente tutto per evitare lo spostamento dell’automedica a Gardone Val Trompia.
Tale decisione (da parte di AREU - Agenzia Regionale Emergenza Urgenza) , in sostanza, piu’ che un disservizio risultera’ essere un vero spreco di denaro pubblico e uno schiaffo al mondo del volontariato della Croce Bianca locale.
Ricordiamo infatti che fino ad ora l’automedica era stata guidata dai volontari di Lumezzane; dal 2004 al 2014 sono stati fatti risparmiare a Spedali Civili ed Areu circa 2.000.000 € per gli autisti e 600.000 € per gli infermieri.
La serata e’ aperta al pubblico.
Forza Nuova Lumezzane

martedì 24 febbraio 2015

Si all'autostrada in Val Trompia, il vero ecologismo è altro



Forza Nuova intende ribadire la sua presa di posizione, totalmente favorevole, alla realizzazione dell’autostrada in Val Trompia, attesa dalle realtà produttive locali da oltre 30 anni.
Soprattutto in un momento altamente sfavorevole per l’economia nazionale, messa in ginocchio dalla totale mancanza di visione strategica dei vari governi che si sono susseguiti, riteniamo fondamentale la realizzazione di un’opera essenziale per il rilancio ed il supporto di tutto il comparto manifatturiero della zona, che rappresenterebbe , ne siamo convinti, un vero e proprio volano di crescita in un contesto di totale immobilismo istituzionale.
Ed è proprio a questo immobilismo del no a prescindere a cui si sono immediatamente attaccati Movimento 5 Stelle ed il resto dell’associazionismo di sinistra, da sempre refrattari al cambiamento in nome di non ben specificate battaglie ecologiste, dall’orientamento piuttosto confuso e dai risultati discutibili. Ecologia per noi sono certamente la questione rifiuti, le energie rinnovabili ed il blocco dei permessi di costruzione edilizia selvaggi, non certo il rifiuto di opere pubbliche strategiche che anzi avrebbero il merito di alleggerire traffico ed inquinamento dalle aree densamente abitate.
Per questo Forza Nuova si opporrà a pericolose prese di posizione ideologiche ostili all’economia nazionale, contestando anche in maniera diretta chi si opporrà alla realizzazione di un progetto che potrebbe risollevare le sorti di centinaia di famiglie della Val Trompia.


Enrico Salvinelli
Forza Nuova Lumezzane

mercoledì 18 febbraio 2015

Riprendiamoci la Libia! #INTERVENTISMO






Nella mattinata di mercoledì 18 febbraio sono stati esposti dai militanti di Forza Nuova alcuni striscioni Brescia, Lumezzane e Desenzano, recanti l’inequivocabile messaggio: “Riprendiamoci la Libia! #Inteventismo”.
Secondo gli esponenti del movimento, “è necessaria una presa di posizione forte, decisa e autonoma del governo italiano sulla questione libica, che ponga rimedio agli errori strategici e alla passività che hanno caratterizzato l’attacco al governo di Gheddafi nel 2011.”
Spiegano i portavoce bresciani del movimento: “Dal 2010 a oggi, l’interscambio del nostro Paese con la Libia è diminuito del 30% (una perdita complessiva di 5 miliardi di euro annui), l’afflusso di petrolio e gas è drasticamente precipitato rispettivamente del 60% e del 75%, mentre si stima che il 90% degli sbarchi clandestini sulle nostre coste parta da quelle libiche.”
“Preso atto di questi dati – continua la nota di FN – e consci delle preoccupanti prospettive economiche e sociali in caso di una conquista completa del Paese da parte delle bande terroristiche islamiche, nonché del ruolo storico che l’Italia ha rivestito e riveste nelle relazioni privilegiate con la “quarta sponda”, ci mobiliteremo in ogni modo possibile affinché l’Italia applichi l’unica soluzione possibile e doverosa: richiamare i propri reparti dagli altri scenari di guerra e riaffermare la propria presenza senza aspettare le lungaggini dell’ONU, favorendo la formazione di un governo solido di unità nazionale, garantendo la ripresa economica e arrestando la tratta degli schiavi che attualmente si riversano sull’Europa.”
“Non siamo disposti a soggiacere per l’ennesima volta a un atto di debolezza e pavidità da parte del governo – conclude il movimento – per cui annunciamo fin da subito una forte campagna di propaganda a favore dell’#interventismo.”

Ufficio Stampa Forza Nuova Brescia