venerdì 28 marzo 2014

Forza Nuova, Ospitaletto: NO al Centro Commerciale nel PGT!


Forza Nuova apprende da un'analisi del PGT per il Comune di Ospitaletto, attualmente in fase di adozione, che nell'attuale area della "Ex Falegnameria Archetti" sorgerà un "mix funzionale a prevalenza produttivo con una quota di residenziale ed una di terziario/direzionale" e nei campi agricoli adiacenti sorgerà un'area "funzionale". Questo, per Forza Nuova, si traduce nella possibilità di edificare un centro commerciale, o comunque di proseguire nel negativo processo di cementificazione del Paese, con l'evidente fenomeno del consumo di territorio. Forza Nuova ha effettuato un breve sit-in davanti al municipio di Ospitaletto con uno striscione ("NO al CENTRO COMMERCIALE").

"Qualunque cosa dovesse sorgere nell'area 'Ex Falegnameria Archetti' per noi non è accettabile, perché Ospitaletto è già saturo di costruzioni, siano esse abitazioni o capannoni" afferma il portavoce locale di FN, Matteo Totò, per poi continuare: "ricordiamo all'amministrazione comunale Sarnico, che la densità abitativa di Ospitaletto (1.643 abitanti per km quadrato) è più alta di stati come il Bangladesh o città come Pechino, ed è la più alta tra i comuni della provincia di Brescia [...]" per cui di conseguenza "[...] ogni ulteriore costruzione soffocherà ulteriormente la vivibilità del paese".

La nota di FN continua: "se dovesse sorgere un centro commerciale, inevitabilmente farà concorrenza ai commercianti locali e farà aumentare l'inquinamento da polveri sottili causato dall'incremento del traffico automobilistico, in una zona peraltro già altamente inquinata [...]" inoltre "[...] nella migliore delle ipotesi sarà l'ennesima speculazione edilizia che porterà ad un centro polifunzionale semi-vuoto e degradato, come nell'attuale Centro Commerciale 'Italmark', meglio conosciuto come Policentro Cristallo 1, progettato e costruito negli anni '80 a cavallo tra le amministrazioni Taini e Baresi".

Forza Nuova è quindi disposta ad accettare una riqualificazione dell'area, soltanto se essa sarà destinata al 100% ad area "verde" e non al 43% di compensazione ecologica, come previsto; inoltre FN è disposta a formare un comitato civico con i cittadini e le altre forze politiche di opposizione, siano esse di destra o sinistra, per fermare ogni tipo di cementificazione prevista e per elaborare una soluzione alternativa alla destinazione d'uso prevista dal PGT in adozione.

Ufficio Stampa
Forza Nuova Brescia

mercoledì 29 gennaio 2014

Brescia: Solidarietà nazionale e Tesseramento 2014

Sabato 1 febbraio, in sintonia con l'iniziativa di distribuzione solidale che si svolgerà in mattinata al mercato di S. Sebastiano (Lumezzane), la sezione bresciana di Forza Nuova replicherà con la Solidarietà Nazionale, raccogliendo generi alimentari a lunga conservazione (preferibilmente pasta e sughi pronti), che verranno poi ridistribuiti alle sole famiglie italiane in difficoltà, dimenticate dagli ultimi governi e scavalcate nelle priorità sociali dagli immigrati.

La raccolta di alimenti avverrà presso la nostra sede cittadina di via Benedetto Croce 21, Brescia, dalle ore 16.00 alle 18.30. Aiutiamo gli italiani in difficoltà: basta solo un piccolo gesto!

Nella stessa giornata sarà anche possibile tesserarsi per il 2014 a Forza Nuova, movimento che – ricordiamo – non percepisce finanziamenti pubblici e si basa sul contributo dei propri simpatizzanti.

Per tutta la giornata aperitivo e musica.

Per info:
forzanuovabrescia@gmail.com
Tel. 333-5014927
Segui l'evento su Facebook

lunedì 13 gennaio 2014

Iniziativa di "Solidarietà nazionale" a Lumezzane

Continua l'iniziativa "Solidarietà nazionale" a Lumezzane. Chiunque voglia contribuire, donando generi alimentari a lunga scadenza che verranno distribuiti nei prossimi giorni agli italiani in difficoltà, può contattare:

forzanuovalumezzane@libero.it
forzanuovabrescia@gmail.com
331-5976458 - Enrico, responsabile Lumezzane

"Io ho quel che ho donato." (G. D'Annunzio)

Doppio presidio di contestazione al min. Kyenge a Brescia

10/01/2014: presidio in piazza Vittorio Veneto, Gussago.
Modello Kyenge: frontiere aperte e imprese chiuse.

11/01/2014: presidio in piazzale Arnaldo, Brescia.
Consegna al ministro Kyenge di un biglietto sola andata per il Congo e invito per un giro turistico tra le imprese fallite della provincia e le zone degradate della città.
  

mercoledì 8 gennaio 2014

Ministro Kyenge a Brescia: Forza Nuova annuncia doppio presidio e rinnova l'invito per un “giro turistico”


385 imprese fallite nel Bresciano nel 2013: più di una al giorno, mai peggio di così. È con questo dato che Forza Nuova intende accogliere a Brescia il ministro dell’integrazione Cecile Kyenge, ammesso che questa volta si presenti veramente, invitandolo nuovamente ai propri presidi  – venerdì sera in piazza Vittorio Veneto a Gussago e sabato mattina in piazzale Arnaldo, in centro città – e rinnovandogli la proposta di un “giro turistico” per la Provincia.

In questo modo il ministro, da sempre impegnato a promuovere una non meglio specificata “società multietnica dell'accoglienza”, potrebbe finalmente constatare di persona i brillanti risultati del proprio governo e di quelli precedenti: centinaia di imprenditori e operai sul lastrico, l’intero sistema produttivo strangolato da Equitalia e dai suoi mandanti, il crescente numero di famiglie bresciane costrette a mangiare alle mense Caritas (ora sono il 30% degli utenti).

Tutto questo mentre l’imprenditoria straniera, quella cinese su tutte, continua a espandersi senza accusare –chissà perché – il peso dell’oppressione fiscale, dei controlli finanziari e della burocrazia statale. Il sospetto è che, in questo campo come in tanti altri, le istituzioni utilizzino due pesi e due misure, facendo sì del razzismo, ma anti-italiano.

Forza Nuova propone semplicemente che lo Stato, e con esso chi lo rappresenta, si occupi innanzitutto dei propri cittadini, risolvendo in primo luogo la problematiche impellenti che impediscono la ripresa del Paese. Evidentemente oggi anche la considerazione più ovvia ha bisogno di essere affermata: per questo nei prossimi giorni contesteremo un ministro che ha la faccia tosta di presentarsi a Brescia per celebrare il proprio modello fallimentare di immigrazione, mentre le imprese chiudono, la disoccupazione giovanile sfiora record storici e gli italiani si impoveriscono.

Ufficio Stampa
Forza Nuova Brescia
Tel. 333-5014927
forzanuovabrescia@gmail.com

giovedì 19 dicembre 2013

Forza Nuova risponde al prefetto: la criminalità a Brescia è una vera emergenza

In seguito ai recenti fatti di cronaca, che hanno visto concentrarsi in questi ultimi giorni molteplici furti nelle abitazioni (+ 3% nel 2013), nella maggior parte dei casi compiuti da stranieri, Forza Nuova si fa portavoce dello sbigottimento dei cittadini bresciani di fronte alle dichiarazioni del prefetto di Brescia, Narcisa Brassesco Pace.

Il recente episodio di Serle, in cui un giovane del paese è stato spinto dall’esasperazione a farsi giustizia da solo, uccidendo l’albanese con precedenti che aveva compiuto un furto nell’abitazione del fratello, è un forte campanello d’allarme sulla situazione critica del capitolo sicurezza, ormai sfuggita completamente di mano alle istituzioni e alle forze dell’ordine.

La macchina politica, aprendo le porte all’immigrazione incontrollata, si è dimostrata colpevole di favorire la criminalità, nonché incapace di gestirla: non dovrebbe stare a noi ricordare al prefetto che il sovraffollamento delle nostre carceri è causato per più del 70% da immigrati, mentre il Governo pensa al prossimo indulto o a come travasare i detenuti da una struttura all'altra.

I cittadini bresciani non si sentono sicuri, nonostante le parole al vento di chi perde tempo assicurando che “fin qui va tutto bene”. E se forse la situazione rimane sotto controllo sulla carta, non lo è certo nella vita reale degli abitanti di città e provincia, per i quali a poco valgono le rassicuranti pacche sulle spalle del prefetto e i discorsi da salotto di chi vive fuori dal mondo, abbagliato dal proprio palazzo dorato.

Ufficio Stampa
Forza Nuova Brescia
Tel. 333-5014927

Lotta Studentesca: a Desenzano oltre 300 studenti in corteo

La mattina di sabato 14 dicembre, a Desenzano del Garda, circa 300 studenti hanno partecipato al corteo studentesco apartitico organizzato da Lotta Studentesca, manifestando per il proprio futuro con in testa lo striscione: Studente alza la testa: la rivoluzione è ora!.

“Mentre la disoccupazione giovanile è arrivata al 40% e la scuola pubblica non riesce più a fornire servizi adeguati a causa dei tagli”, spiega una nota dell'organizzazione studentesca, “i politici, conniventi e colpevoli, incitano i nostri giovani ad andarsene all’estero per cerare un futuro migliore”.

“Consapevoli che una situazione del genere non è più sostenibile, e inserendoci nelle proteste cittadine e studentesche di questi giorni”, conclude il comunicato, “abbiamo voluto affermare che questo non è il futuro che vogliamo e che rivendichiamo ciò che ci è stato tolto, da studenti e da italiani”.

www.lottastudentescabs.blogspot.it
lottastudentescabs@hotmail.it

martedì 17 dicembre 2013

Distribuzione di generi alimentari agli italiani a Lumezzane

Sabato 21 Dicembre, in occasione del consueto mercato settimanale nella frazione S. Sebastiano, i militanti lumezzanesi di Forza Nuova distribuiranno in maniera assolutamente gratuita oltre cento sacchetti pasto di solidarietà ai soli cittadini italiani bisognosi e in difficoltà.

“Dal 2008 la crisi economica si è abbattuta sull’Italia creando povertà, disoccupazione e solitudine sociale. Lo Stato italiano nel frattempo ha abbandonato i propri figli, per dedicarsi costantemente agli immigrati, ormai unici privilegiati sociali. In questo contesto non possiamo rimanere con le mani in mano e dal 1997 Forza Nuova ribadisce l’importanza di stare a fianco del proprio popolo.”

Ha così lanciato l’iniziativa Enrico Salvinelli, responsabile lumezzanese di Forza Nuova, per continuare: “Siamo consapevoli che la lotta al carovita non può essere condotta solamente regalando beni di prima necessità, ma quella che vogliamo mettere in campo è un’iniziativa fortemente simbolica, rivolta alla cittadinanza e aperta a chiunque voglia aderire; raccoglieremo e distribuiremo quindi generi alimentari a lunga scadenza, tutti i lunedì sera presso la nostra sezione lumezzanese in via Rango 40.

Conclude Salvinelli: “Di fronte al crescente numero dei cittadini italiani sotto la soglia di povertà, crediamo che si debba fronteggiare il problema attuando delle serie forme di protezionismo a favore delle categorie più esposte alla crisi: le famiglie, i pensionati e i disoccupati, nonché riprendendosi la sovranità nazionale e monetaria che negli ultimi 15 anni ci è stata sottratta da organismi europei e internazionali. Il motto della manifestazione dunque sarà “al popolo tolgono, al popolo ridiamo” proprio perché, in questo momento così critico per le famiglie e le imprese italiane, la classe politica si dimostra per l’ennesima volta colpevole e incapace, mentre Forza Nuova scende in piazza tra il popolo e per il popolo.

Ufficio Stampa
Forza Nuova Lumezzane
tel. 331-5976458
forzanuovalumezzane@libero.it